Ad un paio di giorni dalla splendida vittoria del titolo individuale, Matteo Neri sale nuovamente sul podio ai Campionati Europei Under 20 di Foggia, conquistando la medaglia d’argento nella prova a squadre.

Un finale di manifestazione dolce-amaro per lo sciabolatore virtussino, che se da una parte porta a casa l’ennesimo riconoscimento di una carriera fin qui superlativa, può rammaricarsi per non aver potuto dare fino in fondo il suo prezioso contributo in pedana, essendosi infortunato proprio nell’ultimo giro di assalti decisivo della finalissima contro la Francia.
Un problema fisico alla spalla destra capitatogli quando gli Azzurri cercavano un vero miracolo per rimettere in piedi un punteggio complicato (34-40), con i francesi terribili (Bibi-Patrice-Pianfetti) pronti a festeggiare: Matteo, fin lì il migliore degli Azzurri, si è dovuto però ritirare e l’ingresso di Michele Gallo come sostituto non ha frenato i transalpini, che hanno vinto l’oro europeo per 45-40.

Il quartetto azzurro (Neri – Mignuzzi – Roma – Gallo) è approdato alla finale più attesa dimostrando la solita determinazione, superando la Bulgaria negli ottavi (45-22), la Romania nei quarti (45-34) e l’Ucraina in semifinale (45-23). Contro la Francia è stata battaglia vera, come ci si aspettava, giocata punto a punto perlomeno nei primi due terzi degli assalti. Poi la mini-fuga dei francesi e gli Azzurri costretti ad inseguire quando forse si è fatto troppo tardi. Neri avrebbe tentato l’impresa, ma ci si è messa di mezzo la sorte.

I Mondiali Under 20 non sono poi così lonatani ed è molto probabile che italiani e francesi si possano giocare il titolo iridato. Il guanto di sfida è stato lanciato.

Foto by Bizzi