SCIABOLA UNDER 20 – Campionati Europei

Home » News » SCIABOLA UNDER 20 – Campionati Europei

Termina senza acuti, e senza medaglie, la ‘campagna di Russia’ di Matteo Neri. Lo sciabolatore virtussino resta ai piedi del podio ai Campionati Europei Under 20 di Sochi, sia nell’individuale che nella prova a squadre, nonostante la solita determinazione messa in pedana. Era tra i favoriti della vigilia dopo l’ennesima ottima stagione di Coppa del Mondo, ma la sciabola, si sa, regala sempre sorprese.

Ci ha provato Neri, a caccia del suo primo titolo continentale individuale da quando fa parte della Nazionale Under 20. Ci ha provato, ma ha sbattutto contro il muro russo eretto dal ‘gigante’ Lokhanov, n.1 del ranking europeo, che ha spazzato via i sogni di medaglia del virtussino, battendolo 15-8 nei quarti di finale e relegandolo al posto finale.

E dire che il talento bolognese fino a quel momento sembrava in piena corsa per centrare l’ennesimo ottimo risultato, avendo ridicolizzato il belga Bottecchia al 1° turno (15-1), controllato poi senza fatica l’ungherese Nagy (15-8) e, infine, sconfitto un osso duro come il russo Kostenko negli ottavi (15-10). La doccia fredda, però, era dietro l’angolo.

Nonostante la voglia di rivalsa, Neri non è riuscito a salire sul podio nemmeno nella prova a squadre, alla quale l’Italsciabola si presentava da campione in carica e dopo una stagione costellata di vittorie. Forse la pressione di una medaglia annunciata ha bloccato un po’ il quartetto azzurro (Neri-Arpino-Mignuzzi-Minischetti), che è incappato subito nella super Francia di questi Europei, capace di piegare i nostri 45-38.
Una sconfitta che a caldo ha bruciato, al netto del valore degli avversari, ma che poi ha spinto gli Azzurri a voler comunque chiudere al meglio l’avventura di Sochi: così, nel tabellone dei piazzamenti, sono arrivate in fila le nette vittorie contro Polonia (45-25) e Ucraina (45-28) che hanno consentito alla Italsciabola di chiudere al 5° posto.

Neri torna così a casa a mani vuote da Sochi, ma con la testa già proiettata al prossimo impegno, ancora più importante: i Campionati del Mondo Cadetti e Giovani, in programma a Verona dal 1 al 9 aprile. Un Mondiale in casa è uno stimolo in più per fare bene.

FOTO by Bizzi/Federazione Italiana Scherma

 

2018-03-12T10:16:12+00:00marzo 12th, 2018|Federscherma, Agonistica|