Campionati Europei Assoluti

Home » News » Campionati Europei Assoluti

L’Italia della sciabola maschile è ancora sul podio ai Campionati Europei Assoluti. I virtussini Aldo Montano e Gigi Samele, insieme ai compagni Luca Curatoli ed Enrico Berré, hanno vinto la medaglia d’argento nella prova a squadre, confermandosi quartetto di ottimo livello.

Alla Gymnasium Arena di Tbilisi (Georgia), gli Azzurri erano chiamati a rispettare i favori del pronostico, che da n.1 del ranking stagionali li vedeva favoriti per la conquista della medaglia più pregiata.

Nella finale più attesa (e preventivata), però, gli sciabolatori guidati dal CT Sirovich hanno ceduto all squadrone russo, esattamente come agli Europei di Torun 2016. La sconfitta è arrivata nelle stoccate finali, dopo un certo equilibrio, con la Russia capace di rimontare un mini break e chiudere 45-41.

Buona la prova del virtussino Samele, fondamentale nel ricucire lo strappo in semifinale contro la Germania (45-39). Nei quarti era arrivata la vittoria contro i padroni di casa della Georgia (45-37).

L’argento a squadre ha permesso al duo virtussino di risollevarsi dopo una prova individuale abbastanza incolore.

Nemmeno il tempo di gustarsi i trionfi ottenuti agli Assoluti di Gorizia che Luigi Samele si è dovuto subito rituffare anima e corpo nella gara continentale in terra georgiana, a caccia di quel titolo europeo individuale mai vinto finora.

Purtroppo le cose non sono girate al meglio per l’atleta virtussino, che ha dovuto abbandonare la competizione agli ottavi di finale (chiuderà all’11° posto), sconfitto di misura 15-14 dall’idolo di casa Sandro Bazadze. Una sconfitta che brucia, anche se va detto che dopo una buona fase a gironi Samele aveva sofferto già nei sedicesimi, battendo il russo Danilenko solo all’ultima stoccata (15-14).

Non è andata meglio ad Aldo Montano, reduce dall’infortunio che gli ha fatto saltare Gorizia. Il neo papà non è riuscito ad imporre la sua sciabola, perdendo addirittura al primo turno contro il non irresistibile ucraino Statsenko (15-8). I problemi fisici si erano già evidenziati nella fase a gironi, chiusa in negativo.

FOTO by Augusto Bizzi

 

Salva

2017-06-19T11:27:26+00:00 giugno 19th, 2017|Federscherma, Agonistica|